Con Foscolo ricominciano gli incontri del Salottino del Sabato del CIS Montesacro -

Con Foscolo ricominciano gli incontri del Salottino del Sabato del CIS Montesacro

Sabato 20 gennaio alle ore 17,30 con il prof. Bruno Disabantonio per scoprire un’altro importante autore italiano

LOCANDINA FOSCOLO webAncora un importante appuntamento con uno dei massimi esponenti della Letteratura Italiana, raccontati dal valente Disabantonio, che si terrà presso il Centro Iniziative Sociali Montesacro, in via Val Trompia 102, sabato 20 gennaio alle ore 17,30.

Questa volta vanno in scena la Vita e le Opere di Ugo Foscolo, uno dei principali letterati del neoclassicismo e del preromanticismo.

Foscolo fu uno dei più notevoli esponenti letterari italiani del periodo a cavallo fra Settecento e Ottocento, nel quale si manifestano o cominciano ad apparire in Italia le correnti neoclassiche e romantiche, durante l’età napoleonica e la prima Restaurazione.

Costretto fin da giovane ad allontanarsi dalla sua patria (l’isola greca di Zacinto/Zákynthos, oggi nota in italiano come Zante), allora territorio della Repubblica di Venezia, si sentì esule per tutta la vita, strappato da un mondo di ideali classici in cui era nato e cresciuto, tramite la sua formazione letteraria e il legame con la terra dei suoi antenati (nonostante un fortissimo legame con l’Italia che considerò la sua madrepatria). La sua vita fu caratterizzata da viaggi e fughe, a causa di motivi politici (militò nelle forze armate degli Stati napoleonici, ma in maniera molto critica, e fu un oppositore degli austriaci, a causa del suo carattere fiero, dei suoi sentimenti italiani e delle sue convinzioni repubblicane), ed egli, privo di fede religiosa ed incapace di trovare felicità nell’amore di una donna, avvertì sempre dentro di sé un infuriare di passioni.

Come molti intellettuali della sua epoca, si sentì però attratto dalle splendide immagini dell’Ellade, simbolo di armonia e di virtù, in cui il suo razionalismo e il suo titanismo di stampo romantico si stemperano in immagini serene di compostezza neoclassica, secondo l’insegnamento del Winckelmann.

Tornato per breve tempo a vivere stabilmente in Italia e nel Lombardo-Veneto (allora ancora parte del Regno d’Italia filofrancese) nel 1813, partì presto in un nuovo volontario esilio e morì povero qualche anno dopo a Londra, nel sobborgo di Turnham Green. Dopo l’Unità, nel 1871, le sue ceneri furono riportate per decreto del governo italiano in patria e inumate nella Basilica di Santa Croce a Firenze, il Tempio dell’Itale Glorie da lui cantato nei Sepolcri(1807).

Come per tutti gli incontri del Salottino del Sabato l’ingresso sarà Libero e Gratuito.

Vi aspettiamo numerosi!!