Sabato 17 febbraio si parlerà di Architettura Romana e Paleocristiana -

Sabato 17 febbraio si parlerà di Architettura Romana e Paleocristiana

Le opere dell’antichità verranno svelate da nostro Mario Apuzzo

LOCANDINA ARCHITETTURA ROMANA E PALEOCRISTIANA webSabato 17 febbraio alle ore 17,30 in via Val Trompia 102 Mario Apuzzo ci intratterrà illustrandoci le maggiori opere dell’architettura romana e di quella paleocristiana.

L’architettura romana è probabilmente una delle testimonianze più gloriose della Civiltà romana. I Romani adottarono il linguaggio esteriore dell’architettura greca, adattandolo ai propri scopi. La loro visione dello spazio era tuttavia radicalmente diversa da quella propria dei Greci e le forme architettoniche riflettono appieno queste differenze. La differenza principale è di carattere politico-sociale: la struttura greca era formata da una moltitudine di città-stato, spesso in conflitto tra loro; i Romani, invece, conquistavano i territori e li soggiogavano con il loro potere, per questo necessitavano di una serie di strutture pubbliche e di controllo (come le efficientissime strade romane o gli acquedotti).

L’architettura paleocristiana, cioè dei primi secoli del Cristianesimo, ha una data spartiacque fra due periodi contrapposti: l’editto di Milano del 313 da parte dell’imperatore Costantino, che permise la libertà di culto per i cristiani e fu quindi possibile da questo momento in poi erigere edifici pubblici per la liturgia cristiana.

Fino ad allora il culto cristiano era considerato religione illecita nell’Impero romano e quindi le riunioni di fedeli avvenivano specialmente in case private, chiamate Domus ecclesiae. Le uniche architetture cristiane anteriori al IV secolo (a parte i rari scavi che hanno riportato alla luce domus ecclesiae, essendo queste spesso coperte da chiese successive) sono le strutture ipogee dette in seguito catacombe.

L’ingresso sarà libero a tutti e gratuito