L'Impero Ottomano, il 23 maggio alle 16,30 -

L’Impero Ottomano, il 23 maggio alle 16,30

Questa volta nel Salottino del CIS il prof. Andrea Porcaro ci parlerà della storia dell’Impero Ottomano
IMPERO OTTOMANO 2 WEBAncora un incontro di storia, ancora un racconto fatto dal bravo Andrea Porcaro.
Sabato 23 maggio alle ore 16,30 si parlerà dell’Impero Ottomano, uno dei più grandi imperi che sono esistiti nella storia.
L’Impero Ottomano, noto anche come Impero Turco, è durato 623 anni, dal 1299 al 1922, arrivando al suo apice a controllare buona parte dell’Europa sud-orientale, dell’Asia occidentale e del Nord Africa.
Venne fondato, in continuità con il sultanato Selgiuchide di Rum, alla fine del XIII secolo nell’Anatolia nordoccidentale dal guerriero Osman I. Successivamente al 1354, i successori di Osman attraversarono l’Europa e, con la conquista dei Balcani, i beilicati turchi d’Anatolia vennero trasformati in un impero transcontinentale. Nel 1453 gli ottomani misero fine all’impero bizantino grazie alla conquista di Costantinopoli per opera di Maometto II il Conquistatore.
Tra il XVI e il XVII secolo, sotto il regno di Solimano il Magnifico, l’impero arrivò all’apice del potere diventando un’entità politica multiculturale, multilinguistica e multietnica che controllava un vastissimo territorio che si estendeva dai confini meridionali del Sacro Romano Impero alle periferie di Vienna e della Polonia a nord, fino allo Yemen e all’Eritrea a sud; dall’Algeria a ovest fino all’Azerbaigian a est, controllando gran parte dei Balcani, del Vicino Oriente e del Nordafrica. Nei secoli ben sette guerre turco-veneziane caratterizzarono i rapporti tra l’impero ottomano e la Repubblica di Venezia partner privilegiati nei commerci ma nemici perenni per il controllo del Mediterraneo ed in particolare della Grecia.
Per coloro che partecipano alle attività On Line del CIS Montesacro, tramite la piattaforma Zoom con le modalità di accesso ai corsi, per chiunque altro in diretta streaming sulla pagina di Facebook “Centro Iniziative Sociali Montesacro”